Fritz Erik Hoevels


Il dottor Fritz Erik Hoevels, laureato in psicologia, nato a Francoforte sul Meno il 6.1.1948, ha studiato psicologia e filologia antica ed esercita come psicoanalista – nel solco della tradizionale psicoanalisi di Sigmund Freud – a Freiburg i. Br. I suoi libri più importanti "Marxismus, Psychoanalyse, Politik" ("Marxismo, Psicoanalisi, Politica"), "Wilhelm Reichs Beitrag zur Psychoanalyse" ("Il contributo di Wilhelm Reich alla psicoanalisi") e "Wie unrecht hatte Marx wirklich?" ("Quanto torto aveva Marx in realtà?") (finora solo volume 1) sono apparsi presso la casa editrice AHRIMAN. Ha pubblicato inoltre diversi lavori scientifici sull'applicazione della psicoanalisi su riviste specialistiche "Hermes" (Franz Steiner Verlag), "Praxis der Psychotherapie" (Springer) e "System ubw" (casa editrice AHRIMAN), oltre a saggi e osservazioni di natura politica sulla rivista "Ketzerbriefe" ("lettere eretiche") [altrettanto AHRIMAN]. Alcune delle sue opere sono disponibili in traduzione;

German
English
Spanish
Polish
Russian
Chinese

singoli contributi si trovano nella bibliografia a fondo pagina.
         Dr. Hoevels non è naturalmente solo uno psicoanalista e un autore scientifico, e neanche solo un pubblicista politico, che si oppone senza scendere a compromessi al livellamento; ancora peggio: è il fondatore della "Marxistisch-Reichistische Initiative" ("Iniziativa marxista-reichista"), la quale col nome di "Bunte Liste Freiburg" ha per un certo periodo potuto inviare al consiglio comunale di Freiburg un rappresentante non molto meno avversato di Pim Fortyn e che adesso, senza mai avere apportato la benché minima modifica alle sue originarie posizioni classiche leniniste (sulla base di "Che fare?"), continua ad esistere ed anche a crescere, celate da grugni ficcanasi, col nome "Bund gegen Anpassung" ("Lega contro il conformismo"). La sua storia, l'attività e il ruolo da Hoevels sono documentati in modo eccellente nel libro "30 Jahre Ketzer" ("30 anni di eretico"). Il suo programma si lascia appropriamente definire con le tre parole d'ordine:

controllo delle nascite – riduzione delle ore lavorative – uguaglianza in tutto il mondo!

Naturalmente le si potrebbe anche perifrasare con "Per un pianeta in cui valga la pena vivere"!
         Ora, tali istituzioni e programmi non si rendono popolari presso i detentori dei impieghi e posti di buoni – che solo così possono essere buoni, cioè prendendo qualcosa ad altri –, e quindi anche presso il potere ed il controllo dell'informazione. Questa è la ragione per la quale questa pagina internet personale è divenuta necessaria; infatti, senza di essa sotto la parola chiave i Dr. Hoevels apprendereste, nonostante sforzi sinceri, quasi solo merda (diffamazione e briciole poco essenziali e non rappresentativi, per quanto informazioncine vere), e neanche verreste a sapere del suo ultimo libro (quello su Reich).
        Ciò che unisce Hoevels a Reich – in ogni caso al Reich, che non si era ancora perduto nella nebbia della speculazione parascientifica – sono non solo la professione e la base scientifica, bensì anche l'impegno per l'organizzazione delle masse frammentate, istupidite e inermi perché conducano una lotta efficace contro i loro padroni (formatisi per via ereditaria) con lo scopo della vittoria e della costituzione di un governo razionalmente organizzato, esclusivamente dedito allo scopo della più grande felicità della percentuale più alta e sostenuto da una umanità possibilmente maggiorenne e non sovrappopolando l'intera natura. (Si tratta proprio di ciò che Marx ed Engels chiamavano "una società priva di classe" e che da quando Stalin prese il potere non è più stata la meta di nessuno degli stati del blocco dell'Est; si tratta di un programma mirante a ricchezza e benessere comuni, e niente affatto di un'uguaglianza grigiastra ed ascetica.) Informazioni più precise si possono ottenere dagli scritti competenti; sulla posizione e le attività di Hoevels sono indispensabili nonostante il loro prezzo – tenuto al minimo –, i già citati "30 Jahre Ketzer".
         Hoevels ha raffigurato con inusuale sagacità l'aspetto soggettivo del processo dell'individuale distorsione cerebrale finalizzata al rafforzamento del potere, il quale rende l'individuo prima inerme e poi ne fa un fidato compagno dei propri nemici, nel suo dramma teatrale "Waitoreke". Questo è per fortuna disponibile su CD audio a un prezzo ragionevole, ed ogni teatro, per tanto "critico" e "provocatorio" ecc. è troppo vile per organizzarne una rappresentazione scenica (la "grana statale" gli verrebbe da subito negata, un meccanismo, che già nell'atrimenti democratica Grecia antica era affidabile per la scelta dei pezzi e rende per questa ragione tanto noiosi i pezzi classici tramandati).

Segue una bibliografia delle opere tradotte in italiano: